MASTER BIENNALE IN MEDIAZIONE FAMILIARE E DEI CONFLITTI
#

DETTAGLI DEL CORSO

MASTER BIENNALE  IN

MEDIAZIONE FAMILIARE  

E DEI CONFLITTI

Con focus su: Sociale, Scuola e Intelligenza Emotiva

La mediazione familiare: di cosa si tratta?

Alla mediazione familiare e, per essa al mediatore, è affidato il non facile compito di trasformare il disordine relazionale ed affettivo che connota lo stato di crisi della coppia in un processo creativo ed  omeostatico. La mediazione, nello specifico, permette a ciascun componente del nucleo familiare di ritrovare stabilità ed equilibrio e, in particolare, assicurare alla prole quel benessere complessivo che solo una crescita serena è in grado di salvaguardare.

Il processo mediativo, vista la sua natura complessa e delicata, non può che essere affidato a professionisti che, in quanto dotati di una duplice preparazione tecnico-pratica e relazionale, siano in grado di aiutare i separandi nel difficile percorso, relazionale e giuridico che li attende. La figura del mediatore si pone così in una corretta posizione di affiancamento e complementarietà rispetto ad altre figure professionali che partecipano al processo separativo.

Il Master in pillole

368 ore totali, di cui:

  • 264 di formazione in aula, incluse le esercitazioni
  • 80 di supervisione in aula
  • 20 di videodidattica, in modalità distance ed integrativa
  • 4 di coaching individuale

Il Master: la struttura

Il Master Biennale in Mediazione Familiare e dei Conflitti, coinvolge esperti del settore, in grado di trasmettere l’eccellenza del sapere, saper fare e saper essere, che contraddistingue il loro quotidiano impegno di lavoro, con le persone e per le persone.

Il Master è strutturato in moduli formativi declinati su quattro aree:

  • Mediazione
  • Diritto
  • Psicologia
  • Sociologia

I moduli ricoprono tutti gli ambiti della mediazione attivabile in ambienti conflittuali: la familiare, la sociale e quella scolastica. In questo modo forniamo all’allievo le competenze ed abilità specifiche per la risoluzione di conflittualità presenti in tutti i contesti relazionali.

Il modello di mediazione scelto è quello pluralistico integrato, e ricomprende il modello globale della mediazione, le basi della gestalt, della sistemica e il modello relazionale grazie al costrutto dell’Intelligenza Emotiva. In questo percorso biennale mettiamo al centro la PERSONA, futuro mediatore dei conflitti a 360°.  Proprio perché desideriamo aiutare le persone in un percorso serio e di consapevolezza ogni allievo lavorerà ad un performance test sul proprio profilo di intelligenza emotiva e grazie un affiancamento costante potrà cogliere nei due anni numerosi strumenti concreti e tecniche utili al suo lavoro attuale e futuro, grazie alla comprensione dello stile relazionale e di mediazione.

L’allievo svilupperà le 11 soft skills chiave del metodo G.E.A.11 The Global Emotional Approach, che gli consentiranno di promuovere modi alternativi di risolvere le controversie, abilità di raccogliere ed organizzare in modo dettagliato informazioni, bisogni, aspettative dei clienti, nonché abilità di ascolto, di facilitazione negli accordi attraverso la creazione di nuove opzioni. L’allievo apprenderà come condurre una seduta efficace col cliente, con persone e coppie in ambienti conflittuali, nonché la capacità di comprendere una richiesta di intervento dopo un primo breve incontro e di definire un ‘contatto e un contratto’ col cliente grazie al metodo A.R.O.U.N.D. Entrambi i metodi sono stati sviluppati grazie ad una lunga esperienza nella progettazione formativa per lo sviluppo delle soft skills e le neuroscienze.

  • Mentoring

Ciascun allievo sarà seguito dal Mentor e da una Junior Coach per tutta la durata del percorso, come affiancamento individuale. Verrà istituito un feedback corner tecnico a richiesta dell’allievo. Questo consentirà una costante assistenza pratica alle eventuali problematiche portate dagli allievi grazie ad una riflessione costante sulle proprie modalità operative.

  • Life Coaching

Ci saranno inoltre, extra programma, 4 sessioni personali di life coaching da un’ora ciascuna con una Junior Coach incluse nel pacchetto, sessioni che l’allievo potrà attivare a suo piacimento nei 24 mesi in modalità live o distance.

  • Special Guests

Infine, sono previste 2 mezze giornate extra, in compagnia di diversi special guests. Tra questi, il PM Lucia Russo, sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Parma, che tratterà il tema dei social media, dello stalking e della violenza domestica, e le risposte che il sistema giudiziario italiano è in grado di dare a queste problematiche. Il Prof.re Cesare Piccinini, psichiatra forense, già componente privato del Tribunale per i minorenni di Bologna, tratterà invece la questione dei nuovi modelli di famiglia, nelle relazioni e per la tutela dei soggetti deboli. Infine, la Responsabile Servizio Famiglia Tutela Minori e Mediatrice Familiare del Comune di Piacenza, Mariangela Tiramani, esporrà le attività e i risultati del Servizio.

Vuoi conoscere tutte le macro tematiche del corso? Leggi la nostra brochure!

I docenti

Il panel di docenti è composto dai migliori esperti della mediazione, del diritto, della sociologia e della psicologia in Italia.

Area Mediazione

  • Dott.ssa Cecilia Eldestein: Fondatrice e Presidente dell’Associazione Shinui – Centro di Consulenza sulla Relazione, Presidente CIPRA (Coordinamento Italiano Professionisti della Relazione d’Aiuto). Psicologa, Mediatrice Familiare, Counselor, Family Therapist, Docente presso il Master sull’Immigrazione dell’Università Cà Foscari di Venezia.
  • Dott. Massimo Silvano Galli: Terapeuta, mediatore famigliare, formatore, autore.
  • Avv. Michela Foti: Avvocato del Foro di Bologna, Mediatrice Familiare e Consigliere di zona A.I.Me.F. per l’Emilia Romagna
  • Avv. Mariapaola Tagliaferri: Avvocato del Foro di Piacenza, mediatore familiare, civile e commerciale, e formatore. Coordinatore territoriale Aequitas ADR e NLP Master Trainer and Facilitator.
  • Dott. Davide Biollo: Mediatore familiare, Osservatore AIMeF, Mediatore civile e commerciale.

Area Diritto

  • Dott. Roberto Piscopo: Consulente e docente in diritto di famiglia in corsi accreditati da svariati albi professionali. Magistrato, già Presidente del Tribunale di Parma.
  • Avv. Alessandra Palumbo: Avvocato del Foro di Parma e consigliera Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati) – Sezione Parma. Mediatrice familiare.

Area Psicologia e Pedagogia

  • Dott. Alberto Pellai: Medico, Psicoterapeuta, Ricercatore presso il dipartimento di scienze Biomediche dell’Università degli Studi di Milano. Scrittore e formatore.
  • Prof.ssa Anna Oliviero Ferraris: Prof. Ord. di Psicologia dello sviluppo (Università “La Sapienza” Roma), psicoterapeuta e scrittrice.
  • Dott.ssa Elena Cristofori: Psicologa, formatrice e mediatrice familiare.
  • Dott.ssa Isabella Marchione, Educatrice, formatore laureata in Pedagogia, Interprete di Lingua dei Segni Italiana (LSI) con Master in Pedagogia Clinica e in Mediazione Familiare.

Area Soft Skills e Sociologia

Vuoi saperne di più sui nostri docenti? Leggi i loro Curriculum Vitae!

Destinatari

  • Professionisti della relazione
  • Operatori del mondo cooperativo, del sociale, del mondo legale ed educativo
  • Tutti coloro che gestiscono persone e che vogliono sviluppare le loro competenze di mediazione dei conflitti, migliorando la capacità di condurre colloqui in cui il conflitto è un aspetto importante.

Requisiti

  • Laurea triennale in area umanistica, sanitaria, sociale
  • In alternativa: persone con diploma di istruzione secondaria superiore e con adeguata e documentata esperienza professionale di almeno cinque anni nella aree sociali educative, sanitarie, psicologiche e tutte quelle esperienze professionali di gestione della conflittualità nell’area della famiglia, della coppia e delle relazioni sociali.

Sbocchi professionali

  • Libera professione
  • Associazioni
  • Case famiglia
  • Cooperative
  • Istituti scolastici
  • Strutture pubbliche e private che offrono servizi di mediazione familiare

Esami e Attestati

Al termine del percorso teorico-pratico, i partecipanti che avranno frequentato almeno l’80% della didattica frontale potranno sostenere:

  • Una prova scritta e orale di I livello, al termine della formazione teorica (aprile 2019), il cui superamento consentirà di ricevere un Attestato di Idoneità alla supervisione didattica e professionale;
  • Una prova di II livello, una volta concluso il periodo di supervisione di 80 ore complessive (novembre 2019). La prova di II livello consisterà in un colloquio valutativo e nella discussione della tesina. In seguito a tale prova, sarà rilasciato da IRECOOP ER un Attestato di Qualifica Professionale in Mediatore Familiare.

Inoltre:

  • Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Piacenza ha deliberato l’accreditamento del Master con n. 20 crediti formativi non frazionabili (con l’obbligo dell’80% del corso)
  • L’OASER, Ordine degli Assistenti Sociali dell’Emilia Romagna, ha deliberato l’accreditamento del Master con n. 45 crediti formativi (con l’obbligo dell’80% del corso)
  • E’ previsto inoltre, il rilascio di crediti ECM per i professionisti sanitari interessati.

Iscrizioni

La scadenza per le iscrizioni è il 12 ottobre 2017.

Per l’iscrizione, si richiede la compilazione della scheda di iscrizione, l’invio del CV e una lettera di presentazione via mail al seguente indirizzo: buscae@irecoop.it

Ai fini dell’ammissione, è previsto un colloquio conoscitivo presso IRECOOP ER, Coopworking o in modalità da concordare.

Costi, agevolazioni e informazioni aggiuntive

Tutte le informazioni sono dettagliatamente riportate all’interno della brochure informativa.

Vuoi saperne di più?

Consulta le nostre FAQ!

Il Master Biennale in Mediazione Familiare e dei Conflitti, è organizzato da IRECOOP ER insieme a GEA11, in collaborazione con Aiga (Associazione Italiana Giovani Avvocati),  Aequitas ADR (Alternative Dispute Resolution), Confcooperative Emilia RomagnaCoopworking.